Toilette per gatti: guida alle migliori lettiere

Come forse già saprai, i gatti sono animali molto puliti e attenti alla loro igiene, per questo motivo scegliere la giusta lettiera per gatti è fondamentale per il loro benessere psicofisico.

Se hai intenzione di vivere con un gatto, la lettiera è uno dei primi accessori che dovrai comprare. Spesso è chiamata anche cassetta igienica, toilette per gatti o semplicemente cassettina.

Qualsiasi sia il nome con cui si preferisce chiamarlo, si tratta di un oggetto indispensabile perché destinato a contenere l’urina e le feci del tuo amico felino. 

I gatti che vivono all’aperto fanno i loro escrementi in luoghi appartati, scavando nel terreno per creare una piccola buca in cui espletare le loro funzioni corporali.

I felini che vivono in casa hanno bisogno di ricreare le stesse dinamiche che mettono in atto in natura e il nostro compito è di rendere questo il più semplice e naturale possibile.

Ecco quindi che entra in gioco la lettiera igienica.

Il tuo gatto beve poco? Leggi il nostro articolo sulle fontanelle per gatti!

Lettiera per gatti: le differenze

In commercio esistono molti tipi di lettiere e si dividono principalmente in 3 macro categorie:

  • lettiere aperte
  • lettiere chiuse
  • lettiere automatiche

Si tratta di cassettine più o meno grandi e articolate in cui inserire la sabbietta oppure la lettiera in silicio e dove il gatto andrà a fare i suoi bisogni.

Per una serena convivenza, è importante che la lettiera per gatti rispetti sia le loro necessità che le nostre.
Infatti ci sono alcuni importanti aspetti da valutare nello scegliere la migliore toilette per gatti. Vediamo insieme quali sono.

Le lettiere per gatti aperte

La tipologia di toilette per gatti più conosciuta è senza ombra di dubbio la classica cassettina aperta. Questa definizione nasce dal fatto che la vasca in cui viene inserita la sabbia non ha alcun coperchio. Il gatto vi accede semplicemente entrandoci dentro, scavalcando i bordi.

Si tratta di un modello classico ed economico, facilmente reperibile in commercio e amato sia dai felini che dai loro amici umani.

Le lettiere aperte sono di plastica rigida, comode e facili da pulire. Sono inoltre molto amate dai mici perché assomigliano di più agli spazi aperti che si trovano in natura. Si avvicinano quindi maggiormente al ricreare un ambiente a loro familiare anche tra le mura domestiche.

Le lettiere per gatti aperte

Questa tipologia di toilette per gatti è particolarmente indicata per i mici anziani e per i gattini perché l’accesso a queste lettiere è molto semplice e richiede il minimo sforzo.

Nonostante i diversi aspetti positivi di queste cassette igieniche, purtroppo presentano anche uno svantaggio: la fuoriuscita degli odori. 

Essendo sprovviste di un coperchio, la puzza di urina e feci si spande in casa, rendendo non sempre gradevole la convivenza felina e umana.

È possibile limitare questo spiacevole inconveniente cercando di mettere la lettiera del gatto in bagno. In questo modo gli odori non si diffonderanno in casa con altrettanta facilità. Inoltre, posizionare la toilette per gatti in bagno, fornisce un ulteriore vantaggio: la privacy.

Per quanto i gatti amino gli spazi aperti disponibili in natura, fare i bisogni richiede un minimo di intimità anche per loro. Scegliere quindi una stanza con poco passaggio e raramente affollata è una buona idea, che permette al gatto di avere la giusta riservatezza e tranquillità. 

Un altro aspetto di cui tenere conto è che i felini amano raspare nella sabbia. Fa parte del loro istinto! Se il tuo gatto apprezza particolarmente questa attività e ama dedicare numerosi minuti nella minuziosa arte dello scavo nella lettiera, una toilette per gatti aperta potrebbe non essere la più adatta a lui.

Essendo sprovvista di un coperchio, questa tipologia di cassettina ha lo svantaggio di non fornire sempre abbastanza riparo dallo spargimento di sabbia oltre i suoi bordi.

Le lettiere per gatti chiuse

Questi modelli di toilette sono molto simili a quelli aperti, ma hanno in più un coperchio che si appoggia e si incastra alla vasca che contiene la sabbia.

Ci sono due tipologie di lettiera chiuse per gatti: quelle con l’apertura di ingresso posta frontalmente e quelle con l’apertura posizionata nella parte superiore.

Le più comode sono quelle che hanno un varco che consente l’accesso frontale al gatto, ma alcuni piccoli amici non si fanno problemi di sorta anche con le altre.

I vantaggi di una lettiera chiusa sono molteplici, soprattutto per quanto riguarda noi umani.
Essendo dotate di un coperchio evitano gli spargimenti di sabbia di cui parlavamo prima. Anche i mici scavatori, amanti del raspare furiosamente nella lettiera, troveranno nelle cassette chiuse dei validi alleati e saranno liberi di creare dei veri e propri castelli di sabbia senza sporcare il pavimento.

Inoltre, così come la sabbietta, anche gli odori rimarranno molto più facilmente intrappolati al suo interno. In aiuto a ciò, le lettiere chiuse sono per la maggior parte fornite di filtri al carbone, che servono proprio per combattere i cattivi odori di pipì e pupù.

A tal proposito ti consigliamo di cambiarli spesso, ogni 2 o 3 mesi circa, in modo che siano sempre funzionanti e performanti.

Un altro grande punto a favore delle lettiere chiuse per gatti è l’estetica. Essendo esteticamente simili a delle scatole, le toilette chiuse nascondono alla vista i bisogni del micio. Occhio non vede, naso non sente e cuore non duole… Una versione leggermente rivisitata del famoso detto, che però ben si adatta al nostro caso specifico.

Le lettiere per gatti chiuse

La privacy che la lettiera chiusa garantisce al gatto è tale da permetterti di collocare la cassettina dove più preferisci all’interno dell’abitazione. Certo, magari la cucina non sarà ugualmente la scelta migliore, ma almeno non sarai limitato al solo bagno.

Di contro va segnalato che non tutti i gatti le amano. Alcuni mici devono semplicemente prenderci un po’ di confidenza e capire che lo sportellino, che spesso è posto all’ingresso dell’apertura di questi modelli, va semplicemente spinto con il muso o con la zampa per entrare e uscire.

La maggior parte dei gatti si abitua comunque facilmente e in fretta a usare le lettiere chiuse. Per i primi tempi, se la toilette per gatti che hai scelto presenta una porta basculante, puoi rimuoverla e inserirla nuovamente solo quando il micio avrà imparato a usarla senza problemi. 


Warning: Undefined variable $item in /home/customer/www/gattiandco.com/public_html/wp-content/plugins/content-egg/templates/block_top_listing.php on line 24

Warning: Trying to access array offset on value of type null in /home/customer/www/gattiandco.com/public_html/wp-content/plugins/content-egg/templates/block_top_listing.php on line 24

Le lettiere automatiche autopulenti

Sono il non plus ultra delle toilette per gatti, per mici che non devono chiedere mai e per umani che amano le piccole grandi comodità fornite dalla tecnologia.

Come funziona la lettiera autopulente?

Le lettiere automatiche sono molto simili a quelle precedentemente descritte, ma sono in più dotate di un motore che aziona una sorta di rastrello. Questo passa all’interno della lettiera raccogliendo i bisogni, la sabbia agglomerata sporca e trasportandoli in un serbatoio posto in fondo a questi geniali apparecchi. 

Per poter funzionare, queste toilette per gatti devono essere collegate alla corrente, aspetto da tenere a mente se si intende comprarne una.

Come funziona la lettiera autopulente

Lettiera autopulente gatti: cos’è di preciso?

Le lettiere automatiche autopulenti sono dotate inoltre di un timer, che è generalmente possibile impostare e programmare secondo necessità. In questo modo potrai essere certo che la sabbia del tuo gatto sarà sempre pulita. La maggior parte, grazie a dei sensori, si attiva automaticamente all’uscita del gatto in modo da rimuovere subito lo sporco.

Se ti stai preoccupando che possano essere pericolose, stai tranquillo. Le lettiere automatiche per gatti sono molto sicure, proprio grazie ai sensori incorporati presenti. Entrano in azione solo alcuni minuti dopo che il micio ha finito di fare i suoi bisogni ed è uscito dalla cassetta igienica. 

Grazie a queste cassette igieniche a pulizia automatica dovrai preoccuparti solo della regolare manutenzione. Naturalmente andrà regolarmente svuotato il contenitore in cui viene rimossa la sabbia sporca e sarà comunque tuo compito mantenere la lettiera pulita nel tempo.


Warning: Undefined variable $item in /home/customer/www/gattiandco.com/public_html/wp-content/plugins/content-egg/templates/block_top_listing.php on line 24

Warning: Trying to access array offset on value of type null in /home/customer/www/gattiandco.com/public_html/wp-content/plugins/content-egg/templates/block_top_listing.php on line 24

Quanto deve essere grande la lettiera del gatto?

Abbiamo visto che esistono numerose tipologie di toilette per gatti e, sebbene abbiano tutte la stessa funzione, hanno caratteristiche diverse che le rendono più o meno adatte in base alle necessità del micio.

Un aspetto importante da considerare è la stazza del gatto e il numero di mici che useranno la cassetta igienica.

Per un gatto di medie dimensioni anche la lettiera potrà essere un po’ più piccola, mentre per un micio grande dovrai scegliere una cassetta più comoda.

Una buona regola per capire se si tratta di un prodotto abbastanza grande è quello di scegliere una toilette per gatti che sia all’incirca il doppio della lunghezza del micio. La misurazione si fa partendo dalla testa fino all’attaccatura della coda, quella non va conteggiata.

Quante lettiere servono per due gatti?

Per due gatti è consigliabile avere due lettiere in casa: una per ogni micio. Nonostante ci siano felini che condividono senza problemi una sola cassettina, averne due può prevenire tutta una serie di problemi comportamentali quali i bisogni fuori dalla lettiera.

Alcune persone ritengono invece che il conteggio esatto per sapere sempre quante toilette per gatti servano in casa vada fatto in questo modo: una per ogni gatto più una extra.
Quindi, poniamo che tu abbia due gatti, secondo questa teoria dovresti avere una lettiera a testa per ogni micio più un’altra per le emergenze per un totale di tre.

Quante lettiere servono per due gatti

Perché servono così tante lettiere? 

Forse ti starai chiedendo perché i gatti non possano semplicemente dividersi una sola cassetta igienica, proprio come noi umani facciamo con il bagno in famiglia.
La risposta sta nel fatto che i felini sono animali molto territoriali. Riconoscono gli odori con cui marcano il proprio territorio e considerano di loro proprietà lo spazio di cui prendono possesso.

Non ti meravigliare quindi se alcuni di loro non vogliano dover dividere l’intimità della loro toilette con un altro simile, é normale e fa parte della loro natura.
Certo, sappiamo che non è sempre possibile rispettare il suggerimento di cui abbiamo parlato, servirebbe una casa molto spaziosa. Il nostro consiglio è di provare semplicemente a vedere come reagiscono i tuoi mici.

L’essenziale è che tu pulisca molto bene la toilette per gatti, quante più volte riesci durante la giornata.
Ricorda che a nessuno piace usare un bagno sporco e maleodorante; nemmeno ai gatti, che sono animali molto puliti e schizzinosi quando si parla di igiene. Infatti non è un caso che dedichino molto del loro tempo a una meticolosa pulizia di sé stessi.

Perché servono così tante lettiere

Quali sono le migliori lettiere per gattini?

Per dei cuccioli di gatto è preferibile acquistare delle cassette igieniche piccole e basse, in modo che i gattini possano entrarvi senza fatica.

Una volta che il tuo piccolo amico sarà cresciuto, potrai passare a una toilette più spaziosa e dai bordi più alti.

Quali sono le migliori lettiere per gattini

Ogni quanto va pulita la lettiera per gatti?

Se vuoi che il tuo gatto utilizzi la sua toilette senza lasciarti dei ricordini per casa, è bene che tu la pulisca regolarmente. 

Oltre a rimuovere la sabbia sporca quotidianamente è importante pulire e igienizzare a fondo anche la cassettina. Questa operazione va fatta tutte le volte che si avvertono cattivi odori che non vanno via semplicemente cambiando la sabbia.

Più gatti utilizzano la lettiera e più spesso questa andrà mantenuta in ordine.

Per una corretta manutenzione ti consigliamo di lavare completamente la cassetta igienica una volta ogni 15 giorni circa.

Per fare ciò devi svuotare la toilette dalla sabbia sporca e procedere al lavaggio con acqua e un detergente. Fai attenzione ai prodotti che usi per igienizzare la cassetta, devono essere non tossici per gli animali. Evita quindi la candeggina e prediligi detergenti approvati per loro.

Puoi affidarti anche a prodotti più naturali quali bicarbonato di sodio e aceto. In ogni caso, risciacqua con molta cura la cassetta prima di riempirla nuovamente di sabbia.

Ogni quanto va pulita la lettiera per gatti

Tappetini per lettiera: come evitare la fuoriuscita della sabbia

Come dicevamo in precedenza, le lettiere aperte favoriscono maggiormente lo spargimento involontario della sabbia da parte del gatto. Grattare nella cassettina fa parte della sua natura, è un istinto primordiale che lo accompagna per tutta la durata della sua vita.

Questa abitudine non va soppressa, se il tuo micio fa un po’ di pasticci quando scava nella lettiera, ci sono dei modi per arginare il problema.
Puoi scegliere una lettiera aperta dai bordi più alti oppure puoi provare a scegliere una lettiera chiusa.

Se anche così il tuo gatto semina granelli di sabbia, prova i tappetini per lettiera. 

Ce ne sono di diversi tipi: alcuni più grandi, da posizionare direttamente sotto alla toilette per gatti, e altri più piccoli, da mettere solo davanti l’ingresso della lettiera chiusa.

Entrambe le tipologie sono pensate per avere una duplice funzione. Evitano che si sporchi il pavimento quando il gatto la fa fuoriuscire scavando e trattengono quella che rimane intrappolata nelle sue zampe quando esce dalla cassetta.

I tappetini per lettiera sono facili da pulire e igienici perché possono essere tranquillamente lavati, proprio come le toilette per gatti.

Tappetini per lettiera come evitare la fuoriuscita della sabbia

Warning: Undefined variable $item in /home/customer/www/gattiandco.com/public_html/wp-content/plugins/content-egg/templates/block_top_listing.php on line 24

Warning: Trying to access array offset on value of type null in /home/customer/www/gattiandco.com/public_html/wp-content/plugins/content-egg/templates/block_top_listing.php on line 24

Come insegnare al gatto a usare la lettiera

Ogni gatto nasce già con la propensione a scavare nel suolo per fare i propri bisogni. Intorno ai 30 giorni di vita, i gattini riescono ad approcciarsi alla lettiera generalmente senza problemi, guidati dal loro istinto.

Come insegnare al gatto a usare la lettiera

Per agevolare questo processo è importante rispettare alcuni punti fondamentali:

  • Le lettiere per gatti devono essere collocate in un luogo appartato. Soprattutto se scegli di usare un modello aperto senza coperchio, che garantisce minor privacy al felino. L’ideale è posizionare la lettiera per gatti in bagno oppure in corridoio, entrambi zone della nostra casa con minore passaggio e permanenza da parte nostra.
  • A te piacerebbe mangiare in bagno? Pensiamo di no e lo stesso è per il nostro animale domestico. Ciotole di cibo e acqua vanno tenute separate e lontane dalla toilette, meglio se in due stanze separate.
  • Abbiamo già parlato a lungo dell’importanza della pulizia della cassetta e della sabbia, non trascurare mai questo aspetto se vuoi che il tuo gatto usi la lettiera.
  • Asseconda il tuo piccolo felino il più possibile. Cerca un modello di cassettina che gli sia congeniale sia nella dimensione che nella forma.
  • Porta pazienza e non sgridare o punire mai il tuo gatto se qualche volta fa la pipì in giro. Cerca invece di capire le cause e di fornirgli nuovi approcci, magari cambiando prodotti.
  • Gli animali sono molto sensibili allo stress e il loro comportamento riflette sia il nostro che la serenità dell’ambiente circostante. Cerca di evitare al micio quanto più stress possibile assecondando la sua natura felina.
Dove mettere la lettiera del gatto in casa

Oltre a tutti questi aspetti, per insegnare al gatto a usare la lettiera puoi delicatamente accompagnarlo tu stesso nella toilette. Con gentilezza, prendi una delle sue zampe anteriori e usala per scavare una piccola buca. 

Ripeti questa operazione per alcune volte, fino a quando gli verrà naturale.

Se il tuo amico felino non ne vuole proprio sapere di usare la lettiera per gatti, contatta il veterinario. Chiedere un consulto è sempre una buona idea perché accertarsi del benessere psicofisico dell’animale è importantissimo. Sarà il veterinario a darti una mano, controllando che il micio sia in perfetta salute e felice. 

Come insegnare al gattino a usare la lettiera

Palette per la pulizia della lettiera

Un accessorio fondamentale a corredo delle toilette per gatti sono le palette per la sabbia.

Ne esistono sia di plastica che di metallo e sono essenziali per pulire la cassetta igienica dagli escrementi del gatto e dalla sabbia sporca.

Tutti i modelli sono dotati di aperture per far scivolare la terra ancora pulita nuovamente nella cassettina evitando così inutili sprechi.

Per una questione igienica noi ti consigliamo le palette per la sabbia in metallo, che sono facili da pulire e più durature.


Warning: Undefined variable $item in /home/customer/www/gattiandco.com/public_html/wp-content/plugins/content-egg/templates/block_top_listing.php on line 24

Warning: Trying to access array offset on value of type null in /home/customer/www/gattiandco.com/public_html/wp-content/plugins/content-egg/templates/block_top_listing.php on line 24

Ci auguriamo che la nostra guida e i nostri consigli ti abbiano aiutato a decidere la lettiera per gatti più adatta alle tue esigenze.

      Contattaci

      Contattaci

      Seguici sui social media

      Gatti & Co. partecipa al programma associati di Amazon Services LLC e riceviamo una commissione sugli acquisti effettuati tramite i nostri link.

      Gatti & Co.
      Logo